Rifugio Casanova - Casentino - Via Casanova 3 Loc. Badia Prataglia 52010 Poppi (AR) - Tel. 366.5849069 Tel. 344.1577936 Tel. 0575.559897 Fax 0575 559902 Casanova@RifugionelCasentino.it

 

 
 
Camminare in Appennino
Benvenuto in Appennino
Scarica il Depliant Casanova

Per ricevere via mail e/o sms informazioni e notizie sui nostri eventi, progetti, escursioni, strutture sociali, offerte inserisci qui i tuoi dati

E-mail

Cellulare




Il valore dell’Appennino

Il Centro di Educazione Ambientale delle Foreste Casentinesi ha la sua struttura operativa e di accoglienza presso la frazione di Badia Prataglia nel comune di Poppi (AR), per la sua particolare posizione, è legato all’ambiente montano Appenninico, alle sue caratteristiche naturali, alle sue realtà sociali, sempre condizionate nel loro essere dal particolare ambiente naturale. Il progetto propone lo sviluppo del tema della biodiversità riferita in modo particolare alla dorsale Appenninica e agli ambienti forestali che caratterizzano la catena montuosa nell’area casentinese.

Il CEA, ancor prima di essere identificato in una struttura fisica deve essere considerato quale vera e propria istituzione, capace quindi di muoversi sul territorio e di operare in qualsiasi sede e luogo a seconda delle opportunità e delle necessità. La sede fisica, pur importante, diviene in tal modo secondaria, mentre è fondamentale l’individuazione del CEA quale agenzia formativa e informativa alla quale fare riferimento per le tematiche di Educazione Ambientale e Naturalistica.
Secondo le ultime in tema di Educazione Ambientale, strutture quali il CEA di Badia Prataglia, è un vero e proprio laboratorio territoriale funzionale a sviluppare sul territorio politiche legate alla sostenibilità ambientale, utilizzando il metodo della condivisione e della concertazione tra gli attori sociali (stakeholders).
Quindi, questo progetto si sviluppa partendo da questi presupposti, finalizzati ad una crescita condivisa delle politiche legate alla eco-sostenibilità in un territorio ” marginale” quale quello appenninico. Di conseguenza, tutte le proposte contenute in “ il valore dell’Appennino” saranno strutturate e sviluppate secondo questi principi.

Considerazioni generali

L’Appennino, per decenni è stato l’anello debole della catena dello sviluppo e economico e sociale del paese, così come com’è accaduto in altre catene montuose, in Europa ed in America. Oggi invece dispone di tutti quegli elementi che sono ritenuti importanti, o addirittura indispensabili, proprio per un corretto sviluppo socio economico del paese nel suo insieme. Rispetto ai decenni passati, infatti, è cresciuta fino a divenire un esigenza primaria, la domanda di spazi liberi ed aperti, di grandi orizzonti, di foreste, di aria e di acqua pulite; di tutte quelle cose cioè, di cui nel periodo post - bellico (ed anche molto tempo dopo) si riteneva di poter fare tranquillamente a meno e che anzi sotto certi aspetti venivano aborrite perché considerate l’antitesi della modernità.

Oggi l’Appennino si candida quale grande polmone verde, riserva d’aria, acqua e di grandi spazi ricreativi, grande valvola di sfogo per le aree urbane, sovraffollate e spesso inumane, sempre carenti, comunque, di spazio vitale per lo spirito umano. E questo porta le popolazioni appenniniche ad una crescente consapevolezza del proprio ruolo, del valore intrinseco del tesoro di cui sono involontari e spesso poco accorti custodi.

Il CEA si candida quindi a divenire il catalizzatore di tutte queste tendenze ed un esempio tangibile e riconosciuto di come si possa valorizzare l’Appennino a partire proprio da quello che c’è, che già esiste, e che deve solo essere reso fruibile e meglio conosciuto. Ed è di conseguenza l’Appennino stesso il soggetto che noi proponiamo, con il suo ambiente naturale, le sue particolarità geologiche e paleontologiche, la sua architettura, le sue popolazioni umane con la loro cultura, i suoi animali, i suoi orizzonti, i suoi silenzi.

Sulla base di tutte queste considerazioni riteniamo, come già detto, che una iniziativa come il CEA possa avere un ruolo educativo e divulgativo di prim’ordine; inoltre il contesto ambientale e sociale in cui il CEA di Badia Prataglia si troverà ad operare e il tipo di attività che vi vengono svolte determinano una forte capacità interattiva tra il Centro stesso e la popolazione locale. Infine, l’attività intrapresa con le numerose manifestazioni ed eventi promossi dalla Pro loco e dall’amministrazione comunale nel territorio di Badia Prataglia, specie quella residenziale con il forte ed articolato coinvolgimento dell’economia locale, è un chiaro esempio di come utilizzare la montagna appenninica in modo eco-compatibile.

Per questo motivo proponiamo, un progetto di Educazione Ambientale mirato a favorire e sviluppare una maggior consapevolezza e migliore qualità nella gestione del rapporto uomo/ambiente e a promuovere atteggiamenti e comportamenti compatibili con la conservazione e lo sviluppo sostenibile del territorio.

La nostra proposta di Centro di Educazione Ambientale
Il CEA è un servizio permanente didattico-educativo sui temi dell’educazione e della didattica ambientale. Il suo obiettivo è quello di promuovere e realizzare attività di studio, ricerca, educazione e divulgazione applicate alle tematiche ambientali; a tal scopo si propone come punto di riferimento in cui organizzare attività indirizzate a figure specifiche, quali studenti e docenti dei diversi livelli scolastici, educatori ed operatori extra-scolastici, enti locali, associazioni ed ogni altro tipo di utenza.

Il centro si propone sia come “sportello didattico” in grado di fornire iniziative e servizi educativi a diversi settori sociali, sia come sportello di promozione di un nuovo tipo di economia delle aree interne, basata sull’integrazione delle risorse ambientali, agricole, turistiche, sociali e culturali; tali risorse, correttamente integrate ed adeguatamente utilizzate, possono favorire un nuovo modello di sviluppo basato sul corretto e consapevole utilizzo del territorio.
L’esistenza del Parco Nazionale fornisce lo stimolo per realizzare un progetto territoriale che vuole coniugare lo sviluppo sociale ed economico delle aree interne della regione Toscana con la salvaguardia delle risorse endogene: naturali, culturali, agricole, imprenditoriali, ecc. …

Abbiamo pensato di proporci anche come centro per la valorizzazione dell’economia integrata, che ha come obbiettivo lo sviluppo sostenibile solidale partecipato del territorio.
Tra le funzioni di questo centro, oltre a quelle prettamente didattiche ed educative, ci sono anche quelle relative alla comunicazione, all’informazione, alla formazione in campo ambientale.

Queste sono le competenze del Centro:

Area didattico educativa
Progettazione di programmi didattici;
Consulenza professionale su tematiche di educazione ambientale ;
Progetti editoriali;
Progetti multimediali;
Organizzazione di conferenze e convegni;
Allestimento di mostre didattiche e divulgative;
Sportello Informativo.

Area di valorizzazione dell’economia integrata
Sportello di consulenza sulle politiche sociali ed ambientali;
Sportello o di consulenza sulle tematiche dello sviluppo sostenibile;
Risanamento e restauro ambientale;

Area valorizzazione delle risorse turistiche
Centro informativo per lo sviluppo del turismo sociale;
Itineroteca del Casentino
Iniziative escursionistiche, a piedi, a cavallo, in MTB, ecc

 


CONTENUTI

Il progetto “Il valore dell’Appennino”
è costituito da diverse iniziative tutte inerenti l’educazione ambientale orientata a sviluppare processi e percorsi educativi miratiti ad attivare percorsi di sviluppo sostenibile del territorio
Il progetto prevede una serie di moduli didattico operativi e di attività che comprendono:

PEN -Programmi di Educazione Naturalistica, con una forte connotazione territoriale; le attività hanno un taglio culturale ed operativo indirizzato all’Educazione Naturalistica e alla divulgazione.
PEA - Programmi di Educazione Attiva, percorsi educativi a lungo termine, a carattere sperimentale, i contenuti affrontano le grandi tematiche ambientali: inquinamento idrico, atmosferico, rifiuti, ecc. ...
CAMPI ESTIVI “FORESTAMICA” Campi estivi a carattere ludico didattico mirati alla conoscenza della natura e del territorio della Vallata .
EVENTI CULTURALI, RICREATIVI E DIDATTICI
manifestazioni ed eventi culturali ricreati e sportivi inerenti lo sviluppo di politiche funzionali alla sostenibilità.
PUBBLICAZIONI DIVULGATIVE E DIDATTICHE
realizzazione di pubblicazioni didattiche o informative
SENTIERI NATURA
promozione dei Sentieri Natura
SOSTENIBILITÀ E PERCORSI DI CONDIVISIONE
azioni di sensibilizzazione, di concertazione e promozione delle politiche sostenibili legate ai processi di AGE 21 locale
CONSULENZA PROFESSIONALE E PROGETTAZIONE
servizio di consulenza a scuole e docenti per programmare percorsi di educazione ambientale e di educazione attiva, didattica naturalistica e del territorio. Elaborazione di progetti relativi a tematiche ambientali per conto di enti pubblici e privati.
FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO
servizio di formazione e aggiornamento rivolto a insegnanti e operatori del settore.
SEGRETERIA E SPORTELLO INFORMATIVO
La segreteria coordina i progetti le attività i contatti con l’utenza e garantisce l’apertura del CEA

Per Informazioni:
Centro Educazione Ambientale delle Foreste Casentinesi
Presso
Rifugio Escursionistico Casanova
Via Casanova 3, Loc. Badia Prataglia,
52010 Poppi (AR)

Tel: 335 7361375
Fax: 0575 559902

E-mail: ceacasentino@lamacina.it

 

Rifugio Casanova - Casentino - Via Casanova 3 Loc. Badia Prataglia 52010 Poppi (AR) - Tel. 366.5849069 Tel. 344.1577936 Tel. 0575.559897 Fax 0575 559902 Casanova@RifugionelCasentino.it
[TORNA ALLA HOME] [RIFUGIO] [PREZZI] [SPECIALE GRUPPI] [ESCURSIONI] [EVENTI]
[CEA CASENTINO] [TERRITORIO] [DOVE SIAMO] [FOTO GALLERY] [LINK] [FACEBOOK]
[TWITTER] [WEEK-END] [EPIFANIA] [PASQUA] [PONTE DELL'IMMACOLATA] [OGNISSANTI]
[CAPODANNO] [ESTATE] [AUTUNNO] [INVERNO] [NATALE] [PRIMAVERA]
[CIASPOLATE] [FUNGHI] [LUPO] [CERVO] [BOOKING] [TRIPADVISOR]